Eritritolo

​Il riscaldamento globale influirà sulla nostra alimentazione?​

martedì 24 febbraio 2015

​Il riscaldamento globale influirà sulla nostra alimentazione?​

Il riscaldamento globale si sta rivelando il principale nemico degli alimenti tipici della nostra cucina. Vino sempre più alcolico, olio d’oliva che scarseggia… cosa sta accadendo alla nostra terra e sulle nostre tavole?

Quando parliamo di global warming (riscaldamento globale) pensiamo a qualcosa di lontano da noi, come per esempio le sottili calotte polari. Eppure il cambiamento climatico, la desertificazione e la siccità stanno intaccando sempre di più le risorse agricole e alimentari, influenzando di conseguenza il sapore e il valore nutrizionale dei cibi a cui siamo abituati.

Per comprendere al meglio come tali cambiamenti modificheranno l’agricoltura italiana, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha finanziato Agroscenari , progetto che intende individuare modalità sostenibili di adattamento ai cambiamenti climatici dei principali sistemi produttivi dell’agricoltura italiana, sia su scala locale che nazionale.

Tra le regioni di interesse del progetto Agroscenari troviamo la Pianura Padana , territorio caratterizzato da una grande concentrazione di allevamenti. Con l’aumento del rischio di siccità sarà necessario sostituire la coltivazione di mais, presente in questa zona, con quella di orzo, che richiede meno acqua e cure. Di conseguenza cambierà anche il mangime del bestiame, modificando i prodotti da loro derivati. Ma tutto il male non viene per nuocere, pare, infatti, che la farina di orzo come alimento principale dei suini riduca gli acidi grassi presenti nei salami da essi ricavati. L’unico problema sarà il conseguente aumento di prezzo, essendo l’orzo più costoso del mais.

Meno rosea sarà la situazione per gli allevamenti di polli. Questo è quanto affermato da Laszlo Babinszky , del Dipartimento di Biotecnologie alimentari dell’Università di Debrecen. Secondo il ricercatore ungherese il metabolismo dei polli in condizioni climatiche ad alta umidità e superiori ai 30 gradi subirebbe dei gravi scompensi ; il conseguente aumento di radicali liberi, dovuto alle condizioni climatiche estreme, andrebbe infatti a incidere sulla qualità della carne, che risulterebbe meno soda, meno proteica e più grassa.
Babinszky ci avverte inoltre come l’aumento delle temperature rischia di causare una netta riduzione nella produzione di latte vaccino e un impoverimento delle carni bovine , sempre più dure, grasse e meno proteiche.

Nemmeno la nostra tanto amata pasta rischia di salvarsi. Secondo quanto emerso dal progetto "Duco" sul grano duro, condotto dal Cra in collaborazione con l’Enea e il Cnr, l’aumento della concentrazione della CO2 favorisce la crescita della pianta, ma ne riduce al contempo la percentuale di proteine, che oltre ad essere un importante nutriente, rende la pasta più resistente alla cottura.


Possiamo quindi dire che in futuro diminuiranno i valori proteici di molti alimenti da noi ingeriti. Come fare? Sicuramente bisognerà modificare la nostra alimentazione e ridurre il consumo di carne.


Ma le proteine?

Noi di AVG diamo il nostro contributo inserendo tra i nostri prodotti delle divisioni Food e Sitesis, dedicate ai mercati alimentare e nutrizionale, una nuova gamma di ingredienti, rappresentata da proteine idrolizzate di origine vegetale e animale. Le proteine idrolizzate sono una miscela di amminoacidi e peptidi facilmente digeribili, ipoallergenici e caratterizzati da interessanti proprietà reologiche.

Si tratta di una nuova risorsa per il mercato Food and Beverage progettata anche per una migliore lavorabilità.

Scopri di più!

I nostri prodotti

Ricerca i nostri attivi

Parliamo di...

La proteina del pisello.

La proteina del pisello.

AVG presenta una valida alternativa per chi non vuole assumere proteine animali, la proteina del pisello. Una proteina ricca di arginina, gluttammina e lisina.

Leggi
Speciale: Attività fisica.

Speciale: Attività fisica.

La pratica sportiva, a qualunque livello essa sia praticata, esige però dall'organismo un impegno supplementare che porta a maggiori esigenze di nutrienti. Per questo alcuni sportivi integrano all’esercizio l’assunzione di integratori proteici. Tra le numerose opzioni, AVG presenta due proteine di origine vegetale e totalmente naturali: la proteina dell’avena e la proteina del pisello.

Leggi
è una divisione di AVG s.r.l. | P.IVA 03535230969 | REA MI 1682944 | cap. soc. i.v. € 10.000,00 | © Copyright 2009-2014 AVG s.r.l. tutti i diritti riservati | Privacy